agenzie matrimoniali, tradimiento, siti incontri,  annunci personali - testati per voi
Logo: Test siti incontri, agenzie matrimoniali, annunci personali, annunci erotici

Test: siti di incontri, agenzie matrimoniali, annunci personali, annunci erotici, viaggi per single

Notizie per single e test - 2013 - Il catalogo dei maschi in affitto

Home   |   Consigli per single   |   Notizie   |   Stampa   |   Contatti    |   Webmaster   |   Sitemap

  Notizie dal mondo dei dating online in Italia

02 gennaio 2013

Il catalogo dei maschi in affitto

Comprereste un uomo in scatola? Se a essere rinchiuso in un cubo di vetro ci fosse una donna nessuno si stupirebbe o quasi, mentre fa discutere la campagna pubblicitaria di Adopte un mec, uno dei siti d’incontri più popolari in Francia.

I promotori, infatti, si rivolgono solo alle donne, per lo più giovani ed emancipate. Già il titolo sottolinea un’inversione dei rapporti di forza: è la donna che deve adottare (o magari solo testare) uno dei poveri maschi iscritto al sito. Le clienti del sito possono sfogliare i candidati come in un catalogo di supermercato.

In uno dei manifesti si vede una signora che spinge un carrello con all’interno un ragazzo. Shopping sentimentale. Qualche settimana fa, Adopte un mec ha occupato un locale commerciale nel centro di Parigi. Nelle vetrine erano esposti uomini in carne e ossa, declinati per le varie tipologie. Il romantico, il forzuto, l’intellettuale, e via offrendo. Le ragazze venivano a dare un’occhiata, se erano interessate se ne andavano con un numero di telefono o una email. Il successo del sito francese (oltre 2,5 milioni di utenti) è basato anche su un linguaggio malizioso e ironico. Basta leggere alcune réclame. «Liquidazione totale sui ricci». «Settimana internazionale dei baffi».

I francesi sono stati pionieri dell’amore 2.0, dai tempi dell’invenzione del Minitel negli anni Ottanta, e la società d’incontri online Meetic è diventata leader nel settore. In un mercato che si iper-specializza, Adopte un mec è riuscito a ritagliarsi un pubblico. Dopo tanto scandalo per la mercificazione del corpo femminile, ora sono le donne a divertirsi con i corpi degli uomini, trattandoli come prodotti di (breve) consumo. È una tendenza generale: i toy boy, i ragazzi-giocattolo, si vedono nelle pubblicità o anche al cinema. E pensate: loro, finora, neanche protestano.

 

Fonte: repubblica.it

 

 
Le vostre opinioni sono importanti per noi!

Avete trovato di aiuto questo articolo sul dating online?
Avete ancora domande o suggerimenti? Scrivete a:
» critica@guida-incontri.it
 

» Inizio     » Home