agenzie matrimoniali, tradimiento, siti incontri,  annunci personali - testati per voi
Logo: Test siti incontri, agenzie matrimoniali, annunci personali, annunci erotici

Test: siti di incontri, agenzie matrimoniali, annunci personali, annunci erotici, viaggi per single

Cosa preferiscono gli uomini e le donne single, quando si guardano intorno alla ricerca dell’anima gemella?

Home   |   Consigli per single   |   Notizie   |   Stampa   |   Contatti    |   Webmaster   |   Sitemap

Notizie dal mondo dei dating online in Italia

Settembre 10, 2010

Parship.it: Curiosità e orientamenti dei single di tutta Europa

Paese che vai, single che trovi. I tre segmenti del mercato del dating in Italia. Cosa preferiscono gli uomini e le donne single, quando si guardano intorno alla ricerca dell’anima gemella? Il primo elemento che emerge è che non tutti cercano l’amore. Inoltre i valori di riferimento sono talvolta anche molto diversi. I dati sono estratti dalla “International Single Survey” (che ha coinvolto circa 10mila uomini e donne nei vari paesi Europei). La ricerca è stata commissionata da PARSHIP, leader in Italia e in Europa per chi cerca una relazione duratura.

ITALIA
Uomini

L’impegno, questo sconosciuto. Per fortuna non è la maggioranza dei single ma in ogni caso quasi uno su tre (29%) non è interessato a trovare una vera compagna quanto piuttosto flirt, storie non impegnative (decisamente inferiore la media europea: 17 per cento; i meno interessati alle avventure sono invece i Francesi: solo il 12%)
Se una donna ci dovesse anche essere, le qualità comunicative non sono quelle essenziali, quelle ricercate dai più: sono importanti solo per il 47% degli uomini (gli italiani insomma sono distantissimi dalla media europea dell’84 per cento; i più interessati alla comunicazione sono i Tedeschi: 94%)

Donne

Dio li fa e poi li accoppia: verrebbe in mente questo adagio guardando i risultati. Già perché anche per il 60% delle donne italiane la comunicazione nella coppia non è un elemento che curare particolarmente (la media europea è del 91%, le più attente sono le single Tedesche: 94%).

Rilevante, nella scelta femminile del partner, è invecec la corporatura. Per meglio dire: banditi gli uomini in sovrappeso, esclusi a priori da una donna su due (51%; la media europea è del 29%, le meno interessate al peso del partner sono le inglesi: appena il 21%).

“Questi dati non ci sorprendono – spiega Markus Fischer, Direttore di PARSHIP Italia – e confermano la segmentazione del mercato italiano in tre principali filoni: “flirt”, dove le persone creano un profilo e scelgono i possibili partner su una base prevalentemente estetica, passando in rassegna le foto disponibili. Questo segmento è di “mercato di massa”: la maggior parte degli utenti non parte con l’intenzione di cercare davvero una relazione seria ma piuttosto di guardarsi intorno, di flirtare (qualche nome: Incontra Gente, Meetic, FriendScout24, Easy Flirt”). La galleria di foto, la chat e altri strumenti disponibili permettono velocità ma anche superficialità di contatti.

Punta invece sull’“Affair” il secondo segmento, quello più legato esplicitamente solo alle avventure, agli incontri di sesso. Il terzo segmento di mercato – che si sta consolidando in Italia e di cui PARSHIP è il principale oltre che primo esponente – è quello del “matchmaking”, espressamente rivolto a chi cerca relazioni serie e durature.

Altre realtà sono Be2 e, più recente, Meetic Affinity; PARSHIP in ogni caso è l’unico servizio che espressamente è rivolto solo a persone realmente libere (cioè che siano separate, divorziate, vedove o single). Per le finalità e l’approccio serio, PARSHIP.it si rivolge ad un pubblico a partire dai 35 anni con capacità reddituale e cultura medio-medio alta: insomma i nostri sono utenti premium, uomini e donne esigenti, realmente interessati a costruire un rapporto duraturo e che, per questo, scelgono e investono su un approccio consolidato e serio per trovare la persona giusta, basato su un test scientifico per l’affinità di coppia”.

“Tra i tanti elementi che emergono, è particolarmente significativa la mancanza di valore-importanza attribuita alla comunicazione nella coppia – osservaAnna Maria Cebrelli, single coach di PARSHIP.it. Questo è uno dei veri punti-problema: perché possa durare e crescere nel tempo, infatti, ogni relazione va nutrita. E parte di questa cura si crea-costruisce (insieme) anche con la condivisione, l’ascolto, il confronto, la capacità di “traduzione” e interpretazione del linguaggio dell’altro. La comunicazione insomma è fondamentale, è un passo a due che va affinato. Quando è reciprocamente profonda, non accusatoria, costruttiva, contribuisce a creare una grande intimità”.

AUSTRIA
Uomini

L’amore? No. L’aspetto veramente essenziale della loro vita è l’ascesa nel lavoro, insomma la carriera (fondamentale per il 56%; media europea 48%; i meno interessati sono gli Olandesi: 35%). Ma se una donna deve entrare nella loro quotidianità, beh allora il fisico diventa essenziale: quella “giusta” – per il 43% dei single – deve essere “atletica” (la media europea: 31%; i meno interessati sono gli Inglesi: 17%).

Donne

Gli uomini puntano al lavoro? Alle Austriache andrà benissimo, visto che – di sicuro – l’ultimo dei loro pensieri è supportare economicamente il partner. Non lo considera nemmeno pensabile il 92% (media europea 79%; le più accoglienti sono le Italiane: solo il 70% esclude la possibilità di aiutare il compagno). Non solo: non vogliono neanche essere supportate. L’indipendenza economica è per loro particolarmente importante (per il 45% delle single; la media Europea è del 34%. Le donne che meno tengono alla loro indipendenza sono le Italiane: appena il 27%).

FRANCIA
Uomini

Bonjour Tristesse, si potrebbe dire: loro sono infatti quelli che vivono peggio la singletudine (chi ci sta meglio – dentro questo status - sono gli Olandesi: 62%; la media europea è del 46%; i francesi lo apprezzano solo per il 35 per cento) Bambini, cucina, chiesa: ebbene sì, i single desiderano una donna “tradizionalmente” impegnata in casa (nel 32 per cento dei casi; la media degli uomini europei è del 18%; gli Olandesi sono i meno propensi: appena il 12%)

Donne

La bellezza non è affatto secondaria: così le donne di Francia cercano come compagno un adone (59 per cento; in media, le europee lo fanno per il 45 per cento; le meno interessate sono le Spagnole: 30%). Non è tutto: quello che proprio non sopportano sono gli uomini saccenti, presuntuosi. Ne fa volentieri a meno l’85 per cento delle single (la media europea è del 71 per cento; le più accoglienti e pazienti alla fine sono le Italiane: 51%).

GERMANIA
Uomini

Il dato più evidente? Non c’è dubbio: gli uomini sognano una donna più giovane, almeno con 5 anni in meno. A ruota segue l’aspetto estetico della partner: gioca un ruolo cruciale per il 63% (la media europea, per gli uomini , è del 58%; i meno interessati sono gli Spagnoli: 45%).

Donne

Le single tedesche sono le meno attratte dalla generosità maschile (58%; la media europea è del 76%; le più interessate si rivelano le Spagnole, 87%); per loro sono più importanti un comportamento sincero (97%) e l’onestà (94%). Insomma, puntano sull’essenziale; forse anche perchè non hanno molto tempo da dedicare al partner (20 per cento; media europea 12%; le più distanti da questa scarsa disponibilità sono le Francesi: 8 %).

INGHILTERRA
Uomini

C’è aria di mancanza di fiducia in se stessi. Molti credono che l’aspetto estetico sia fondamentale: se non si sentono-ritengono attraenti pensano che sarà più difficile incontrare l’anima gemella (lo pensa il 31%; la media europea si aggira intorno al 22 per cento; i single meno preoccupati sono gli olandesi: solo l’11%). Inoltre tendono a non essere affatto ottimisti, in campo amoroso: sono in pochi a ritenere che riusciranno a trovare l’amore nel giro – massimo - di un paio d’anni (appena il 18%; i più fiduciosi sono gli olandesi, 42%; la media europea è del 35%).

Donne

Nel loro immaginario incontrare l’amore è così difficile che accetterebbero, pur di averlo, anche un partner con pochi riguardi nei loro confronti (31%; la media europea del 12%, le meno accondiscendenti in questo senso sono le Spagnole: 2%). In fatto di forma fisica però non si preoccupano troppo: il futuro compagno può tranquillamente essere lontanissimo da qualunque pratica sportiva (importante infatti solo per il 17%; la media europea è del 30%, le più attente all’aspetto sono le donne olandesi: 38%).

OLANDA
Uomini

I più tirchi indubbiamente sono loro: sono disposti a spendere al massimo 36 euro al mese per uscire in coppia (la media europea è di 66 Euro; i più galanti sono gli Italiani, che possono tirare fuori fino a 100 Euro). D’altro canto sono felici, inguaribili ottimisti, con un atteggiamente assolutamente positivo alla vita (51 per cento; all’opposto, si trovano invece i Tedeschi: appena il 19%).

Donne

Il partner giusto? Beh, gli uomini possono dimenticarsi le ansie da prestazione: se anche non è un focoso amante, le Olandesi non si preoccupano troppo (solo il 56% cerca un partner bravo anche a letto; la media europea è del 69%, le più esigenti sono le Spagnole: 77%). Forse c’è anche che, in fondo, per loro (69%) la singletudine non è una situazione poi così malvagia (situazione condivisa dal 50% delle donne libere europee; le meno felici da single sono le Italiane: appena il 37%).

SPAGNA
Uomini

Per cercarli, si può passare dalla cucina: così – uno su due - ama infatti passare una buona parte del tempo libero (i meno appassionati ai fornelli sono invece gli Olandesi: 30%). E sono patriottici anche in amore. A priori, “donna” è meglio – come i buoi – dei paesi tuoi. Appena il 68% non esclude la possibilità di una compagna “forestiera” (media europea 82%; i più aperti, gli Svedesi: 87%).

Donne

Per farle capitolare, il partner dovrà essere convincente: il 36% delle single Spagnole non cerca la convivenza (media europea: 28%; solo il 21% delle Francesi è della stessa idea). Inoltre non apprezzano un partner dominante: nella coppia piace comandare a loro (87%; media europea 67%; desiderio diffuso, questo, solo nel 31% delle single Italiane).

SVIZZERA
Uomini

Non c’è dubbio: se la futura moglie ha un posto, quello è a casa. E se ci sono dei figli, a maggior ragione: stanno a casa con la mamma. La pensa così il 35% degli Svizzeri (media europea 21%; i meno “conservatori” sono gli Spagnoli: condivide l’impostazione solo il 10%). Tradizionalisti per un verso, innovativi per l’altro: per trovare la futura partner, infatti, la ricerca on line è una delle modalità più gettonate (dal 49% dei single; pur usandola, quelli che puntano di meno su questa modalità sono gli Olandesi: solo il 27%).

Donne

Fortunatamente per loro, viste le propensioni del sesso forte locale, le donne non sono così interessate all’emancipazione nella coppia (riguarda solo il 64% delle Svizzere; la media europea è del 79%, le più agguerrite sono le Olandesi: 86%). Ma è importante (per il 95%) che il loro partner abbia una concezione ottimistica della vita (media europea 90%; fanalino di coda per le Inglesi: 75%).

Fonte: informazione.it

Le vostre opinioni sono importanti per noi!

Avete trovato di aiuto questo articolo sul dating online?
Avete ancora domande o suggerimenti? Scrivete a:
» critica@guida-incontri.it

» Inizio     » Home